Recupero Password
A Molfetta le giostre arrivano sulla banchina S. Domenico. La protesta di un lettore che scrive a “Quindici”
05 settembre 2020

 MOLFETTA – In una città senza regole e senza controlli, è permesso di tutto. Quando poi l’amministrazione comunale di Molfetta è schierata per portare alla Regione Saverio Tammacco, voltagabbana passato dal centrosinistra al centrodestra, da Emiliano a Fitto per opportunismo politico, tutto è ancora più consentito per motivi elettorali.

E così assistiamo oggi ad un altro scempio, altro che città della cultura e della qualità della vita. In questi giorni sulla banchina S. Domenico, davanti al mercato ittico all’ingrosso sono state collocate alcune giostre, che una volta erano ospitate nell’area del quartiere Madonna dei Martiri in occasione della Festa patronale.

E’ una scelta poco intelligente da parte di chi l’ha autorizzata? Oppure è il prezzo da pagare a chi vuole queste giostre per cercare così di aumentare i consensi?

Un lettore scrive a “Quindici” disgustato per “questo ulteriore scempio”. Dall’amministrazione la risposta, come sempre, sarà il silenzio. Un silenzio colpevole.

© Riproduzione riservata

 

Nominativo  
Email  
Messaggio  
Non verranno pubblicati commenti che:
  • Contengono offese di qualunque tipo
  • Sono contrari alle norme imperative dell’ordine pubblico e del buon costume
  • Contengono affermazioni non provate e/o non provabili e pertanto inattendibili
  • Contengono messaggi non pertinenti all’articolo al quale si riferiscono
  • Contengono messaggi pubblicitari
""
Quindici OnLine - Tutti i diritti riservati. Copyright © 1997 - 2020
Editore Associazione Culturale "Via Piazza" - Viale Pio XI, 11/A5 - 70056 Molfetta (BA) - P.IVA 04710470727 - ISSN 2612-758X
powered by PC Planet