Data e ora


LA STORIA DI QUINDICI

Il periodico "QUINDICI" nasce come quindicinale per iniziativa di un gruppo di intellettuali molfettesi e di rappresentanti della cosiddetta "società civile" per l'esigenza di dare un'informazione di qualità a Molfetta.

Già nell'editoriale del primo numero (uscito il 23 dicembre del 1994) il direttore Felice de Sanctis scriveva che "l'informazione in questa città è ancora troppo scarsa". "Più voci servono, perciò, - scriveva ancora il direttore - ad aumentare la democrazia, soprattutto in una società dominata dai grandi mass-media in mano a potenti gruppi industriali e politici.

Ci siamo guardati attorno e abbiamo visto che, al di là di lodevoli sforzi da parte di qualcuno, la maggior parte dell'informazione si caratterizza per mancanza di qualità, per faziosità, dilettantismo che finisce troppo spesso per scivolare nel pettegolezzo e nello scontro". L'obiettivo, perciò, era quello di proporre "un'informazione diversa" per dare voce a tutti. Il giornale dichiarò subito di riconoscersi nell'area che va dai cattolici democratici ai progressisti, che ha come denominatori comuni i principi di solidarietà e giustizia sociale. Il finanziamento del giornale venne realizzato attraverso la creazione dell'Associazione culturale "Via Piazza", che divenne editore del giornale grazie alle quote versate da tutti i soci. Altra forma di finanziamento fu quella degli abbonamenti. Slogan scelto dal giornale fu: "Smuoviamo l'aria" e come simbolo fu adottato un ventilatore, che ancora oggi caratterizza il giornale e il suo obiettivo.

Dall'ottobre del '96, si decise di trasformare il giornale da quindicinale in mensile, per poterlo arricchire di pagine e contenuti, avendo un maggiore tempo a disposizione per realizzarlo. Le pagine furono raddoppiate e fu migliorata anche la qualità della carta, utilizzando quella patinata riciclata, per la quale non viene abbattuto nessun albero. Il giornale cambiò anche nome da "Quindici giorni" a "Quindici" (la parola giorni fu ridotta e inserita sotto la testata principale) e l'uscita in edicola fu fissata il 15 di ogni mese (da qui il nome). L'operazione si rivelò un successo: le vendite quadruplicarono e da allora si sono assestate intorno alle 2.000 copie.

La tiratura è di 2.000 copie e spesso vanno esaurite in edicola. La maggioranza dei lettori di "Quindici" sono della fascia medio-alta economico e culturale della città: insegnanti, professionisti, docenti universitari, imprenditori. "Quindici" inizialmente, nei suoi primi 10 anni, era un giornale strutturato su una base di 24 pagine di grande formato A3, ricco di fotografie e con un'impaginazione elegante. Poi, da gennaio 2005, ha subito una rivoluzione grafica e di formato (24x32), trasformandosi, con un nuovo accattivante look in rivista in quadricromia: uno dei migliori prodotti sul mercato sia sul piano della qualità, sia su quello dei contenuti.

Il mensile privilegia essenzialmente temi economici e a contribuire allo sviluppo economico dell'imprenditoria locale e alla creazione di una cultura d'impresa. Accanto a questi argomenti ci sono quelli politici; due o tre pagine di cultura, col recupero di detti e tradizioni molfettesi e di pezzi di storia locale, spesso inediti, per i quali viene fatta un ricerca ad hoc; la cronaca con gli approfondimenti degli argomenti già trattati nel corso del mese dai quotidiani e dalle tv; l'attualità; una pagina dedicata ai giovani e scritta da loro; una pagina dedicata alle lettere e ai commenti e infine due pagine per lo sport e il tempo libero. La redazione è formata da un giornalista professionista, il direttore Felice de Sanctis, redattore di economia del quotidiano "La Gazzetta del Mezzogiorno" di Bari, gli altri redattori sono pubblicisti: professori, professionisti, studenti universitari e studenti liceali.

Il giornale si avvale anche di una nutrita rosa di collaboratori qualificati, da intellettuali e storici locali a esponenti del mondo culturale cittadino. Dal 1997 il giornale è presente su Internet al sito: www.quindici-molfetta.it dove è possibile leggere una selezione delle pagine di ciascun numero. Nel '98 "Quindici" ha ricevuto un significativo riconoscimento: miglior giornale italiano su Internet, insieme a testate di livello nazionale quali: "Italia oggi", "Milano Finanza", "Il Gazzettino", "Famiglia cristiana" e altri. Dal 2002 il giornale telematico, primo a Molfetta, si è trasformato in quotidiano e tuttora registra una crescita di accessi costante eccezionale: solo nel mese di marzo 2006 si contavano 2.088.840 contatti.

In Edicola
Numeri Precedenti

Vai >>

Login Utente

Username  
Password
 


Password persa?
Registrati

Sondaggio

Il presidente della Regione Michele Emiliano vuole tagliare reparti all’ospedale. Sei d’accordo?