Data e ora













 Foto per gentile concessione prof. Leo De Trizio

Molti detti, in dialetto molfettese, fanno riferimerimento all'asino in maniera dispregiativa. Eppure questo animale, tanto amato dagli alpini, è molto docile e servizievole, intelligente, e tutt'altro che cocciuto...
...In merito all'argomento, inoltre, vi invitiamo ad ascoltare la poesia "U ciucce de cummà Bellucce", nella sezione "Poesie" e l'aneddoto "Peppino e il ciuccio" in "Uè tutte le benne", nelle pagine di Molfetta-Arte.
Vi saremo grati se ci farete venire a conoscenza di altri detti sull'asino non ancora inseriti in queste pagine.


Scopriamo assieme alcuni detti:

Ciucce, semèrre.
Asino, ciuccio, somaro (stupido, sciocco).

Ciucce screcciate.
Asino scorticato, malaticcio, piagato.

Ciucce vècchie.
Asino vecchio (di persona in età che agisce infantilmente).

Ciucce de razze
Asino di razza, persona avvezza al lavoro.

Ciucce fategate.
Somaro stanco (di persona consumata dalla fatica).

Ciucce nieure.
Asino riottoso (persona in età che mal si piega al dovere e al lavoro).

Ciucce e presenzeiàuse.
Ignorante e presuntuoso.

Ciucce besteie.
Somaro, bestia (massima offesa).

Cape de ciucce.
Testa di asino.

Carne de ciucce.
Carne d' asino (dura,immangiabile).

Còete de ciucce.
Coda di asino.

Diende de ciucce.
Denti di asino (dentacci animaleschi).

Facce de ciucce.
Faccia di asino.

Mestazze de ciucce.
Baffi da asino (baffi animaleschi e spelacchiati).

Musse de ciucce.
Muso di asino (grugno, ceffo animalesco).

Nèsche, nèse de ciucce.
Naso, grinta asinesca.

Rècchie de ciucce.
Orecchie di asino (simbolo d'ignoranza).

Scùerze de ciucce.
Pellaccia di asino.

U ciucce de la meraviglie.
Si dice a persona ignara che viene tardivamente a conoscenza di un fatto risaputo.

Scòrciaciucce.
Scorticatore d' asini (in senso dispregiativo, riferito a barbiere poco esperto).

Ci tèine u comete è nen ze ne sèrve é ciucce è vé all' erve.
Chi ha un bene e non se ne serve è come un asino che va ad erba.

A lavà la cap'o ciucce se pèrde tiembe, acque è sapòene.
A lavare la testa all'asino si perde tempo, acqua e sapone.

Ciucce curre, ca vènghene le tùrchie.
Corri, asino, che arrivamo i turchi. Sollecitato dal contadino a scappare, l' asino rispose intelligentemente:

Ciucce so pe segnerì è ciucce so pe le tùrchie.
Asino sono per voi e asino sono per i Turchi. Cosi proseguì tranquillo per la sua strada .

Ciucce si sciàute e ciucce si venéute.
Asino sei andato e asino sei tornato (il detto si riferisce a colui il quale non ha assolto come di dovere l' incarico ricevuto perché non ha portatoconcluso nulla).

Ciucce vècchie nèn bigghie latàiene.
Asino vecchio non apprende latino (si ha la mente più fresca ed avvezza ad imparare quando si è giovani).

Ciucce ca ragghie nèn mènge pagghie.
Asino che raglia non mangia paglia (chi parla e non agisce, non conclude nulla).

La patraòene é ricche, nu sòele ciucce tèiene, tènd' è re béiene forte, ca méngh' a méngià le dé.
La padrona è ricca e possiede un solo asino; è così grande l' amore che ha nei suoi confronti, chè non gli dà neppure da mangiare!

Ciende nudde acciten' u ciucce.
Cento nulla uccidono l' asino.

Ci nésce ciucce nèn mmòere cavadde.
Chi nasce asino non muore cavallo (non cambia mai).

Ci éiere ciucce è méieche, nèn le dave ménghe né tembrate de chénigghie.
Se fosse stato un mio asino non gli avrei dato neppure un impasto di crusca (riferito a persona di scarso valore, che non merita nulla).

Attàcche u ciucce addò vòele u patrune.
Lega l'asino dove vuole il padrone (si dice rassegnatamente quando si è costretti ad obbeddire nonostante si sia di parere contrario).

Ha cadut' u ciucce.
E' caduto l'asino (ormai non c' è più nulla da fare, il guaio è già accaduto).

Dà l'acque o ciucce.
Dar da bere all'asino (fingi di credere, gabbalo).

Ménnégghie u ciucce russe , peccate russe.
Quando si impreca, si fa peccato grave).

Quénn'u ciucce parle latàiene fenèzze de munne.
Quando l'asino parla latino, fine del mondo (quando l' ignorante vuol far la parte del dotto, ci sono guai in vista...).

Quacch'è ciucce è sciute pe d' àreie.
Qualche somaro è volato (per dire che è eccezionale quel che si sta ascoltando).

Nèn vòele acque (o pagghie) la ciucce.
L'asina non vuole bere o mangiare (il detto ha più significati: si riferisce alla persona che non vuole intenderla, non vuole piegarsi ad ascoltare e ad ubbidire, oppure, in senso ironico, a chi pretende molto).

Tèiene la còet'a spelate com'o ciucce.
Ha la coda spelata come l'asino (cioè chi la sa lunga per esperienza).

Tàire, tatà, ca u ciucce ràite.
Tira papà, che l'asino ride (diceva al padre il figlio pensando che la smorfia di dolore dell'asino strozzato dalla cavezza fosse, invece, una risata).

Ci èiere Sineche, Scappucce? Cure sinneche, è tu ciucce.
Chi era sindaco, Scappuccio? Quello sindaco e tu somaro. (Per far capire, a chi racconta assurdità attribuendole al passato, che sta raccontando fesserie).

U patrune du ciucce vé all'appiete.
Il padrone dell' asino va a piedi (per prestare cortesie agli altri, si finisce per rimanere senza mezzi).

E' ciucce de razze.
E' asino di razza (persona resistente a tutti gli sforzi e le fatiche).

Mènnégghie u ciucce è l'accètte.
...A farsi benedire l'asino e l'accetta! (espressione scherzosa d' ira contenuta, per evitare di dire il peggio).

Nu ciucce àcchie a né fèiere?
Un solo asino trovi in fiera? (ad indicare che la cosa di cui si sta parlando non è la sola ed unica al mondo).

Pur' u ciuccie re sape.
Anche l'asino lo sa (è cosa risaputa).

U ciuccie crèsce è la varde èmmènghe.
L'asino cresce e il basto (bardella) si fa piccolo (i piccoli crescono e occorre provvedere a nuovi bisogni).

Re ciòccere se càzzene è le varràile se spàscene.
Gli asini litigano e i barili si sfasciano (fra i due litiganti il terzo patisce i danni).

Nèn disce mènghe ciucce fatte chiù ddà.
Non dice nemmeno: "Asino, fatti più in là!" (di persona screanzata o scostante, poco affabile).

Quènde ne porte nu ciucce a né fèiere.
Buscarne quante ne prende un asino alla fiera.

Storce u cìele com'o ciucce.
L'asino annusa e storce il muso alzandolo verso il cielo (così fa chi dimostra ostentata protervia).

Mbriache a ciucce.
Ubriaco fradicio.

U ciucce ca cache terràise.
Asino che caca denaro (è un auspicio scherzoso che si fa agli indigenti).

U ciucce ca mènnìebbe nén avì rècchie.
L'asino che mandai non ebbe orecchi (la persona incaricata capì a modo suo e non concluse nulla).

U ciucce de Séppe Sércie scarse de memmòreie.
L'asino di Giuseppe Sergio scarso di memoria (persona smemorata).

U ciucce de Mòndemelòene che trènde migghie fatte é attaccate alla mèngiatòere.
L'asino di Montemilone percorse trenta miglia , fu legato alla mangiatoia (giusto compenso a dure fatiche!).

U ciucce valènde valènde porte la salme è nèn ze la sènde, è quènne se la sendì come nu ciucce remènì.
L'asino valentissimo porta la soma e non la sente, e quando la sentì rimase come un asino. Il motto burlesco è rivolto a colui il quale porta addosso cose che non sa, ma è anche un monito rivolto ai lavoratori troppo volenterosi (la salma era una misura di capacità che corrispondeva a 175 litri).

Ciucce mùerte, acchià nu ciucce mùerte.
Asino morto (intoppare in un caso eccezionalmente favorevole).

U vòeve disse o ciucce: crennèute.
Il bue disse all'asino: "Cornuto!", e cornuto era proprio lui.

Dalle a vèive a chèr'a ciucce.
Dà da bere a quell'asina (accontentare lo stolto).

Ci ha viste u ciucce cogghie re ceràse? U làupe s'abbènghie de ràise.
Chi ha visto l'asino cogliere ciliege? Il lupo si sazia dal ridere.

La stémbate du ciucce.
Il calcio dell'asino (insulto del vile a chi non possa più nuocergli, con allusione alla favola dell'asino che dà un calcio al leone morente).

La bellèzze du ciucce.
La bellezza dell'asino (in senso dispregiativo).

Ragghie de ciucce nén arrivene ngìele.
I ragli dell'asino non arrivano in cielo (le chicchiere degli sciocchi non sono prese sul serio).

E' nu ciucce vestàute.
E' un asino vestito (persona ignorante, zotica).

E' nu ciucce arrecaiète.
E' un asino arricchito (persona ignorante divenuta ricca).

Mègghie nu ciucce vaive ca nu mìedeche mùerte.
Meglio un asino vivo che un medico morto (meglio accontentarsi di poco, che avere molti beni di cui non poter godere).

Careche a ciucce.
Carico come un asino.

Pònde de ciucce.
Ponte dell'asino (cosa difficile ad intendersi dai principianti).

A scechèiene de ciucce.
A schiena d'asino (di strada lastricata a forma convessa).

Fa u ciucce.
Fare l'asino.

U trotte du ciucce.
Il trotto dell'asino (quando si comincia una faccenda con grande zelo, che poi va a poco a poco affievolendosi).

Ddo me cadàie u ciucce.
Qui mi cascò l'asino (qui sta la difficoltà).

Ciucce bardate.
Asino bardato (povero divenuto ricco e perciò insuperbito).

O ciucce vèchie piasce l'èrve nòeve.
All'asino vecchio piace l' erba nuova.

Fa com'o ciucce du pegnétare.
Fare come l'asino del pentolaio (che si ferma ad ogni uscio a curiosare).

Ci nèn desciàune a Nètal'o è ciucce o è chène.
Chi non digiuna a Natale o è asino o è cane.

Quénne chènde u ciucce è scerocche.
Quando canta l'asino è scirocco.

Fìerre a re ciòccere.
Ferri agli asini (espressione popolare che significa: che ne fai di tanto denaro, ferri agli asini? Come spendere tutto?).

Aspìette ciucce mì fing'a véiene la pagghi'è nòeve.
Aspetta asino mio, finché viene la paglia nuova (per dire a qualcuno che sta attendendo inutilmente).

U ciucce de Rénze.
Il ciuco di Renzo (asino testardo che voleva percorrere sempre una strada da lui preferita).

Crèiete ca nu ciucce vè pe d'areie.
Credere che un asino voli (di persona credulona).

Ci nèn bòete dà o ciucce dè o vaste.
Chi non può dare all'asino dà al basto (rozza sella imbottita per cavalcare asini).

U ciucce de Mòndemelòene mbéisce de scì nnénze vè dréiete.
L'asino di Montemilone invece di andare avanti indietreggia (riferimento a chi non dimentica facilmente ciò che ha imparato in precdenza).

U ciucce ca nén vòel' arà acchie totte re versetàure.
L'asino che non vuole arare trova tutte le scuse (riferimento alle persone scansafatiche).

Ci ménge èrve ciucce addevénde.
Chi mangia erba, asino diventa.

Ci vè a sènde Sense véréménde pèrde u ciucce e acchie la scemménde.
Chi va a S. Santo veramente, perde l'asino e trova la giumenta.
.

Nè lavate ngaule o ciucce.
Cosa fatta superficialmente o inutilmente.


In Edicola
Numeri Precedenti

Vai >>

Login Utente

Username  
Password
 


Password persa?
Registrati

Sondaggio

Il presidente della Regione Michele Emiliano vuole tagliare reparti all’ospedale. Sei d’accordo?